Merano Winefestival 2019

Dal 1992 il Festival è considerato uno degli eventi più importanti ogni anno che rappresentano le eccellenze del vino e del cibo. Nel fantastico ambiente del Kurhaus di Merano, il festival unisce l’eccellenza all’eleganza. I vini e i prodotti presentati in esclusiva vengono selezionati e valutati in modo specifico dalle commissioni di degustazione di The WineHunter. , fondatore del WineHunter Award e del Merano WineFestival, si dedica alla caccia delle eccellenze del mondo del vino e del cibo. Merano è un’esplosione di sapori genuini e di alta qualità. Le eccellenze di tutta Italia e non solo. Il festival è un punto d’incontro per gli amanti del cibo e delle bevande. Lì dove arrivarono 11.500 persone Ma devi essere molto appassionato perché il biglietto è molto costoso. Essendo prodotti di alta qualità, è difficile fare una scelta selettiva. Mi sono concentrato sulle piccole realtà da cercare e trovare al palato. Ma ti dico subito quali sono state le scoperte di quest’anno. Potrei restare qui e parlare per ore. Quindi questa volta considerando che ho trascorso molto tempo sia assaggiando i vini che i cibi che alternerò tra cibo e vino. La cantina ” è già nota non solo per l’esuberante mecenate Antonucci ma anche per un Verdicchio che non ha eguali nei marchi. Conoscevo già il Verdicchio, quindi mi sono concentrato sul Mossone un Merlot che dona morbidezza e avvolgenza, tanta freschezza e tannino molto delicato. All’inizio ho pensato che fosse un’etichetta con “Il Padrino”, ma le immagini sull’etichetta sono , il creatore di un ricco di espressione e passione. Viene dalle migliori uve e quando lo tappi sentirai la piena potenza di un vino che ti lascerà incessantemente e ti preparerà sempre per l’altro sorso. È un vino per gli amanti delle persone che si amano e amano l’Amarone. Un altro Amarone che non dimenticherò è l’urlo, un gusto eclettico, morbido e potente. La Hurlo è prodotta, in edizione limitata, solo nelle annate più adatte. Ogni singola bottiglia è numerata e accompagnata da un certificato di autenticità. Il problema è che lo rende un vino inaccessibile. Molto marketing per me che può essere trovato in altri Amarones. Personalmente, e tutti i miei amici lo sanno, non apprezzo molto il vino Brut Franciacorta. Ma è un mio problema, non lo nego, non ho ancora trovato un vino che mi faccia dire “uaho”. Poi vado al mio amato champagne. A Vrigny, Roger Coulon crea uno champagne con bollicine sottili e una mineralità dissetante, sentori di polvere, gesso, prugne mature e pasticceria. Direi eccellente. Potrei continuare a descrivere i vini che mi sono piaciuti di più, ma finirei per dirtelo domani. Non mi piacciono le liste ma non posso parlarti di tutto il vino che ho assaggiato. Quindi, estraggo dieci vini dal mio “cappello da vino” che mi è piaciuto molto con una breve descrizione:Brunello di Montalcino – Donatella Cinelli Colombini: un elegante Brunello, fragole, lamponi, ciliegie, legno e tabacco. Molto equilibrato Abbinamento con un formaggio molto stagionato.Amarone della Valpolicella Classico Riserva – Zeni: un Amarone che sedurrà con note di ciliegia e balsamico, con potere vellutato e tannini.Stilèma Fiano di Avellino – : un Fiano delicato e raffinato, un ottimo vino bianco da sorseggiare durante l’estate. Acidità che si abbina a sentori di miele e rosmarino. Marmilla IGT – Su’Entu: hai mai bevuto un vino da uve Bovale? È arrivato il momento! Vino rubino che mi piace per la freschezza e le note balsamiche. È un vino che regala note di sale e tannini morbidi.Ronco delle Acacie 100% Chardonnay Le vigne di Zamo ‘: i vigneti Zamo provengono da una regione chiamata Friuli e in Italia i loro vini Ribolla Gialla, Sauvignon e Friulani sono leggenda. Ronco delle Acacie dopo due anni di raffinatezza divenne un sublime Chardonnay. Minerale molto presente, zolfo, selce e miele di acacia.

 

 

Spread the love

Lascia un commento